CNAPPC: Comunicato stampa del 24 agosto 2022

0
47

Sisma 2016, Architetti, CNAPPC “avanti con Codice della Ricostruzione” “ritardi non sono da attribuire ai professionisti”
Amatrice, 24 agosto 2022. “Il nuovo Governo non lasci cadere nel vuoto l’iter del Codice della Ricostruzione che consentirà, una volta approvato, di disporre di uno strumento normativo
unico nazionale per accelerare gli interventi, non dovendo ogni volta, in presenza di un evento sismico, cominciare da capo e snellendo, così, l’elefantiaca burocrazia che ha causato ed accumulato ritardi che non sono certo da attribuire ai professionisti impegnati nella
ricostruzione”.
Così Francesco Miceli, Presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC) che, oltre a unirsi nel ricordo delle vittime, sottolinea – nella giornata dedicata al sesto anniversario del Sisma del 2016 – come la
ricostruzione delle opere e degli interventi sugli edifici debba essere realizzata contestualmente a quella del tessuto sociale dei territori.
“Ricostruire in sicurezza – dice ancora – è sicuramente fondamentale, come è importanta la qualità delle realizzazioni e, allo stesso tempo, bisogna accelerare il processo di ricostruzione per dare
risposte concrete ai cittadini”.
Silvia Pelonara, Responsabile del Dipartimento Protezione civile, cooperazione e solidarietà, oltre a ribadire la disponibilità del CNAPPC a collaborare con la Struttura commissariale – di concerto con i professionisti e gli Ordini degli Architetti PPC dei territori colpiti dal sisma e da tempo impegnati nella ricostruzione – nella stesura del Codice per arrivare ad una buona norma, ha sottolineato come “la ricostruzione debba sempre avere come fine la rinascita ed il futuro delle popolazioni e dei territori colpiti da eventi sismici. Dobbiamo fare in fretta valorizzando i bisogni, le potenzialità delle popolazioni, per guarire, laddove è possibile, le profonde ferite sempre inflitte dal sisma”.

Fai click per visualizzare on-line…